Cittaslow significa esattamente lentezza. Lentezza che viene intesa come ricchezza , bellezza, tutto a misura d’uomo. Lentezza che si gusta a tavola ma anche a passeggio, lentezza che produce prodotti tipici di saggia manifattura, lentezza che va verso il futuro con i tempi del mondo, che ruota lento.

La filosofia delle Cittaslow ha come protagonista l’uomo: la lentezza è rispetto della salute e genuinità, salvaguardia del patrimonio artistico e artigianato, spontaneità e naturalezza.

Castel San Pietro Terme è stata certificata Cittaslow nel 2005, entrando da quel momento a far parte di un circuito garantito (la Rete internazionale del buon vivere) che oggi conta oltre 150 città in 25 Paesi di 5 continenti.

Ma cosa c’è di più in una Cittaslow?

Una Cittaslow si differenzia dalle altre perché aiuta a ridurre lo stress quotidiano della vita allentandone i ritmi ossessivi grazie ad esempio a pulizia, ordine, aria pulita, marciapiedi, piste ciclabili, aree pedonali e parchi; predilige le produzioni alimentari autoctone e dà valore ai modi tradizionali di far cucina con i sapori locali; garantisce una migliore vivibilità ai propri cittadini e ai turisti che la scelgono per i loro momenti di relax, sport o cultura.